VETRATE SPECIALI

Scorri la pagina per sapere di più su:


Possono essere realizzate vetrate isolanti aventi sempre caratteristiche di controllo termico, acustico e di sicurezza con anche queste tipologie di prodotti speciali:

  • vetri stratificati con all’interno un film a cristalli liquidi che permettono di rendere il vetro trasparente o traslucido a comando in relazione all’esigenza del cliente pur facendo passare la luce anche nella situazione traslucida;

  • vetri stratificati a riscaldamento elettrico che incorporano fili quasi completamente invisibili che li riscaldano elettricamente;

  • vetri resistenti al fuoco per classificazioni EI 30, EI 60 , EI 90 , EI 120; tali vetri sono composti da varie lastre di vetro separate tra loro da speciali gel intumescenti che reagiscono alla presenza del fuoco e sono in grado di fermare l’energia dell’incendio e di mantenere l’innalzamento della temperatura sul lato opposto al fuoco, entro i limiti della normativa;

  • vetri con veneziane, tendine, plissé collocate all’interno di una vetrocamera. Tali accessori sono montati all’interno delle due lastre di vetro e il loro scorrimento avviene in un ambiente sigillato. Questa caratteristica garantisce un’assoluta protezione dalla polvere delle tende, che si presentano sempre come nuove e sempre pulite. In questo modo si eliminano lavori di pulizia e manutenzione ricorrente, necessaria per le tende esposte all’aria.

Inoltre i vetri speciali, compresi nei primi tre gruppo, possono essere impiegati anche in ambienti interni (senza la vetrata isolante essendo già dei vetri anti ferita). Le vetrate isolanti possono essere personalizzate con loghi ed immagini per ambienti di lavoro, locali, ristoranti, hotel, scuole e qualsiasi altro edificio pubblico e privato, fondendo design e funzionalità.

VETRI RESISTENTI AL FUOCO

Indicati negli edifici dove è necessaria la protezione agli incendi. Una vasta gamma di prodotti che permettono di progettare e realizzare pareti vetrate resistenti al fuoco nella classe fino a 120 minuti per elementi sia interni che esterni con prodotti certificati secondo le normative vigenti. I vetri Tagliafuoco con classe El oltre a mantenere le caratteristiche della classe E sono in grado di garantire un elevato isolamento termico tra la faccia esposta al fuoco e quella non esposta. I vetri Parafiamme con classe E mantengono le caratteristiche di tenuta alle fiamme e ai gas caldi.

VETRATE CON VENEZIANE E TENDE

Appartengono alla famiglia a controllo solare. Sono vetrate isolanti dove, nell’intercapedine tra i due vetri, viene inserita una tenda veneziana in diversi modelli: orientabile manuale, salita e discesa motorizzata a batteria o con pannelli fotovoltaici, salita e discesa motorizzata elettrica con telecomando.
Vantaggio di questo prodotto è l’assenza di manutenzione.

AUTOPULENTE

Lo speciale trattamento dei vetri autopulenti è dato dal depositato sulla superficie del vetro che consente una manutenzione facilitata e meno frequente rispetto ad un vetro tradizionale. É il vetro consigliato per il settore terziario e parte del residenziale. I vetri autopulenti, in genere, presentano e offrono garanzie termiche e/o di controllo solare oltre alle garanzie di sicurezza, con in più il massimo del comfort nell’utilizzo.
Il vetro autopulente è composto da un vetro chiaro sul quale è depositato un coating trasparente di un materiale minerale e idrofilo. Il coating integrato alla superficie del vetro presenta un’elevata durabilità. Le proprietà meccaniche, termiche e acustiche del vetro autopulente sono identiche a quelle di un vetro classico.

Il rivestimento del vetro autopulente non contiene sostanze nocive.
Il vetro autopulente utilizza la doppia azione dei raggi UV e dell’acqua, per combattere efficacemente lo sporco che si accumula sulla superficie esterna dei vetri come: tracce di pioggia, polvere, spruzzi, inquinanti atmosferici organici.
L’azione autopulente dipende dalla natura della sporcizia, dalla quantità, dall’esposizione al sole e alla pioggia e dall’inclinazione dei vetri.
L’attivazione della funzione autopulente, dopo la posa e le operazioni di pulizia del vetro, richiede circa due settimane di esposizione del vetro alla luce naturale e durante questo periodo bisogna evitare di lavare il vetro.

VANTAGGI
I vantaggi principali del vetro autopulente consistono in:

  • maggiore facilità di manutenzione: lo sporco aderisce meno sulla superficie del vetro;

  • riduzione dei costi legati alla manutenzione delle superfici vetrate;

  • visione chiara attraverso i vetri nei periodi piovosi;

  • trasparenza e aspetto visivo identici a quelli di un vetro classico;

  • protezione dell’ambiente grazie alla riduzione dell’utilizzo di detergenti;

  • comfort termico in estate e in inverno quando assemblato in vetrate isolanti;

  • prestazioni acustiche e di sicurezza nella versione temprato e/o stratificata e/o quando assemblato in vetrate isolanti.

APPLICAZIONE
Il vetro autopulente è destinato alle applicazioni esterne:

  • negli edifici commerciali e pubblici, nelle costruzioni ove si presenta la difficoltà della pulizia di facciate vetrate e coperture in vetro;

  • negli edifici residenziali sia per le costruzioni nuove che per quelle ristrutturate.

Il vetro autopulente è destinato alle applicazioni esterne:

  • facciate vetrate

  • coperture in vetro se con un inclinazione almeno del 20%

  • finestre, vetrate, verande, lucernari, pensiline

  • serre, arredo urbano, barriere fono isolanti, parapetti, barriere negli zoo.

POSA IN OPERA E MANUTENZIONE

Nel montaggio è necessario posizionare sempre il vetro autopulente con il coating sul lato esterno.
Durante le operazioni di posa utilizzare guanti di cotone puliti e ventose pulite e non deteriorate.
Per la tenuta vetro – telaio sono da preferire guarnizioni a secco o preformate di tipo EPDM.
Si consiglia di impiegare sigillanti privi di olio, non impiegare mastici contenenti olio di lino o similari.
Se la posa avviene vicino ad una scossalina di piombo, cercare di applicare una patinatura perimetrale al fine di ridurre il rilascio dei carbonati da parte del piombo.
Evitare di usare durante l’asciugatura il tergi vetro.
Eventuali macchie di vernice devono essere eliminate con alcool denaturato ed un panno pulito e morbido.
Per ulteriori dettagli, e in caso di utilizzo di guarnizioni siliconate, consultare le schede di posa in opera.
Occorre pulire accuratamente i vetri alla fine della posa, seguendo le indicazioni consigliate.
Il vetro autopulente permette di ridurre gli interventi di pulizia, ma non è un vetro a manutenzione zero.
Per la pulizia si consiglia di:

  • pulire mediante nebulizzazione d’acqua demineralizzata; per la sporcizia tenace, utilizzare acqua calda saponosa, con un raschietto pulito o un prodotto lavavetri usuale con uno straccio soffice e pulito;

  • evitare l’utilizzo di lame di rasoio, cutter;

  • non utilizzare prodotti per pulizia abrasivi o a effetto antipioggia;

  • non utilizzare prodotti di pulizia contenenti parti di elementi di silicone o similari.

NORMATIVA

I vetri autopulenti acquistati e lavorati da Glass6therm rispondono alle esigenze della norma EN 1096 relativa alla durabilità dei vetri con coating per l’edilizia e rispettano i requisiti della Classe A di tale norma (trattamento in faccia 1).

ANTIRIFLESSO

DESCRIZIONE

Il vetro antiriflesso viene realizzato su supporto extra chiaro; abbinando il trattamento superficiale con il vetro extrachiaro si ottiene una bassa riflessione luminosa ed un’elevata visibilità in trasmissione oltre ad una resa dei colori più reale.
Le sue qualità antiriflesso, la grande trasparenza, la resa ottimale dei colori fanno del vetro antiriflesso un prodotto particolarmente apprezzato per tutte le vetrate stratificate nelle quali i riflessi possono risultare fastidiosi.
Il coating del vetro antiriflesso soddisfa i criteri di durata della classe A della norma EN 1096-2, ed anche i test della classe S.
Il deposito antiriflesso viene ottenuto per polverizzazione catodica sotto vuoto di ossidi metallici trasparenti i quali hanno la proprietà di ridurre fortemente la riflessione della luce sulla superficie del vetro.
Per ottenere l’effetto antiriflesso, entrambe le superfici del vetro monolitico debbono risultare trattate e di conseguenza anche le due superfici esterne del vetro stratificato richiedono la presenza del coating (a contatto con il pvb non deve esserci alcun coating antiriflesso).
Nelle vetrate isolanti i due prodotti stratificati dovranno avere subito su ogni faccia esterna il trattamento antiriflesso ( deve essere presente in faccia 1,2,3,4, nel caso di utilizzo di un trattamento basso emissivo il trattamento antiriflesso non sarà presente nella faccia dove verrà posto il coating bassoemissivo )

APPLICAZIONE

I vetri antiriflesso trovano molteplici applicazioni.
All’esterno: vetrine di negozi, vetrate di grandi dimensioni per migliorare la visuale esterna notturna (ristoranti panoramici, sale di controllo, stazioni di rifornimento); cartelli indicatori autostradali, stazioni, aeroporti.
All’interno: espositori e vetrine interne (magazzini di lusso, musei) pareti interne (musei, sale di controllo, ospedali), separazioni di sale di proiezione di cinema, studi televisivi, cabine di comando.
Sono sconsigliate le applicazioni soggette ad usura come tavoli o mensole dove il vetro è particolarmente esposto alle rigature.
Tabella valori spettrofotometrici per valutare i pregi del trattamento antiriflesso tra varie tipologie di vetrate isolanti.

tab-spettrofotometrici

Gli spessori utilizzati nella tabella per i raffronti sono i seguenti:

  • vetro esterno stratificato 6 + 0.76 + 6;

  • intercapedine con argon disidratato 15;

  • vetro interno stratificato 4 + 0.76 + 4;

POSA E MANUTENZIONE

Si raccomanda di evitare installazioni di vetro antiriflesso in ambienti esposti all’acqua piovana su parti di facciata superiori alla vetrina in quanto i residui di calcio potrebbero danneggiare il coating.
E’ consigliato di effettuare il montaggio delle vetrate al termine di tutte le lavorazioni che debbono essere eseguite nel cantiere.
Sul cantiere, i vetri antiriflesso devono assolutamente essere protetti dall’azione negativa di malta, cemento, stucco.
La pulizia dei bordi della vetrata isolante dovrà essere fatta con un detersivo neutro per vetri oppure con carta o tessuto morbido, meglio ancora con raschietto in caucciù.
La pulizia della superficie vetrata si effettua con molta acqua e tutte le tracce di sporco dovranno essere eliminate.
Dovrà essere utilizzata una spugna pulita e, nel corso della pulizia, è indispensabile pulire regolarmente la spugna o cambiarla, per evitare che eventuali detriti righino il coating.
La vetrata va poi asciugata con un panno morbido e pulito.
Durante le operazioni di posa della vetrata antiriflesso è consigliabile utilizzare guanti di cotone nuovi e puliti, ventose pulite e non deteriorate, utensili non metallici (martello di plastica pulito, cunei di legno).
Sulla superficie delle vetrate antiriflesso si possono applicare solo etichette elettrostatiche; nel caso siano applicate etichette di altro genere, occorrerà asportarle dopo la posa, pulendo le eventuali tracce di colla con alcool diluito.
In nessun caso si dovrà segnare il vetro antiriflesso con materiali abrasivi quali gesso, vernice, calce.
Per conservare l’effetto antiriflesso, è necessaria una pulizia regolare e costante con abbondante acqua demineralizzata e tiepida con un prodotto detergente neutro. La frequenza della pulizia dipende dalle condizioni atmosferiche e dall’ambiente circostante.
Prodotti ed utensili vietati per la pulizia: alcool puro, acidi, candeggina, liscivie chimiche, spugne e panni lucidanti, lana d’acciaio, lamette, prodotti di pulizia con particelle abrasive, ecc.

VETRO LAMINATO “VEDO E NON-VEDO”

Trattasi di un vetro stratificato ad alta tecnologia che può essere reso trasparente o opaco mediante un semplice impulso elettrico. Il vetro stratificato viene realizzato con EVA dove tra i due film viene inserito uno strato conduttivo di cristalli liquidi composti da una matrice solida polimerica LPF-PDLC, la quale viene resa traslucida tramite un semplice impulso elettrico. Quando il vetro vedo e non vedo non è sotto tensione elettrica, i cristalli liquidi contenuti nel film non sono allineati e la loro posizione risulta disordinata tale da dare l’effetto traslucido opalescente e permettendo contemporaneamente la diffusione della luce in tutte le direzioni; nel stabilire il campo elettrico, i cristalli liquidi contenuti nel film si ordinano ed automaticamente permettono la visione trasparente simile a quella di un vetro normale, garantendo una ottima visuale frontale.
Il passaggio dallo stato trasparente a quello opaco e viceversa avviene con un tempo uguale o inferiore a 15 centesimi di secondo.
Il vetro vedo e non vedo quando è nella funzione trasparente permette di avere un ottima visione e sotto comando istantaneamente diventa traslucido ( opalescente ) cioè ripara da ogni sguardo consentendo la PRIVACY e la RISERVATEZZA.

newvetratespeciali

APPLICAZIONI E CAMPI DI UTILIZZO

Pareti divisorie

Permette di poter aprire o chiudere gli spazi senza modificare nulla Non necessita l’impiego di tende e di conseguenza non genera costi di manutenzione
E’ igienico.
Si può stratificare con vari colori di vetri.
Può essere installato in porte.
Può fungere in un treno od aereo da divisorio tra sala comandi e passeggeri.

Schermi

Nello stato traslucido è un ottimo schermo per proiezione ed un eccellente schermo per la retroproiezione ; la proiezioni in molti casi può avvenire senza dover oscurare la sala.
È un eccellente punto di attrazione quando è necessario creare della scenografia esclusiva per: show room, stand fieristici, temporary shop
E’ applicato: in studi televisivi, sale riunioni, sale conferenze, pannelli pubblicitari che possono a loro volta essere affittati …..
E’ uno strumento attivo per creare l’attenzione del pubblico nel promuovere un nuovo prodotto.

Sicurezza

E’ una valida soluzione all’attivazione della sicurezza per il personale operativo, creando istantaneamente uno schermo protettivo che impedisce la visione e di conseguenza é tale da porre in difficoltà il ladro; in questi casi consigliamo l’abbinamento con le nostre vetrazioni antiproiettile e con ulteriori sistemi di video sorveglianza e di allarme.
E’ ideale per mostrare articoli di valore solo a particolari clienti
Si può abbinare a vetrazioni con caratteristiche a protezione contro:
fuoco nelle classificazioni E, EW, EI raggi X e γ.

Intimità

Permette di poter dare della discrezione per locali come: bagni, camere da letto, sale da tè, cabine telefoniche …

Parametri dimensionali

Spessore disponibili: 9 mm, 11 mm, 13 mm, 17 mm, 21 mm:
Dimensioni massime con un solo film : 1500 mm x 3000 mm.

Intimità

Permette di poter dare della discrezione per locali come: bagni, camere da letto, sale da tè, cabine telefoniche …

Proprietà Elettro-Ottiche (20°C)

Stato Off (Opaco):
- Luce totale trasmessa 55 % (+/- 5%)
Stato On (Trasparente) – (60 VAC, 50 Hz, sinusoidale):
- Luce totale trasmessa 75 % (+/- 5%)
Potenza richiesta < 10 W/m2
Tempi di risposta < 0,15 sec

Intervalli operativi

Voltaggio di funzionamento 60 VAC (50Hz, sinusoidale)
Intervallo di temperatura di funzionamento da -10° a +50 °C

Parametri estetici – Limiti qualitativi di accettazione

Difetti nello stato Off.
L’ispezione del film PDLC è eseguita da una distanza di 3 metri.
L’ accettabilità del film viene decisa in accordo al capitolato.

Disposizione contatti elettrici:

Condizioni standard.
I contatti elettrici (piste in rame) sono posizionati lungo i due lati opposti dei pannelli.
L’ufficio tecnico di GLASS6 vi assisterà nella scelta della soluzione e per mettervi in condizione di realizzare un serramento, o un profilo idoneo ed un impianto elettrico adeguato all’applicazione da voi richiesta.
Normalmente forniamo il vetro vedo non vedo con il relativo trasformatore e le istruzioni di collegamento; nel caso necessitasse possiamo provvedere alla posa in opera del vetro, all’installazione dell’impianto elettrico ed all’eventuale profilo di contenimento.

VETRATE CONTROLLO SOLARE VARIABILE

Le vetrate isolanti elettrocromiche, sono l’ultimo ritrovato della tecnologia grazie ad un rivestimento di nano strutture poste nel cuore del vetro stratificato. Azionate attraverso un comando elettrico (come la semplice pressione di un pulsante) permettono di regolare l’intensità della trasmissione luminosa dal 55% fino al 15% e del relativo fattore solare dal 40% fino al 12% garantendo la massima protezione dal sole in relazione all’ambiente ed alla stagione. Riducono le spese di condizionamento, illuminazione e manutenzione generate da sistemi con frangisole o veneziane.

newvetratespeciali
newvetratespeciali

VETRI PER CONTROLLO VISIVO

I vetri per il controllo visivo sono realizzati dalle principali case produttrici, con lo scopo di consentire un ottimale utilizzo della luce naturale e la perfetta trasparenza per un migliore comfort visiv. Luce e trasparenza vengono sfruttate al meglio nelle realizzazioni tradizionali, nei centri commerciali, nel settore abitativo e nelle applicazioni in interni.
I vetri per il controllo visivo sono:

  • vetro extra-chiaro;

  • vetro antiriflesso.

vetratespecialitris1
vetratespecialitris2
vetratespecialitris3

VETRO EXTRA CHIARO

Le vetrate isolanti elettrocromiche, sono l’ultimo ritrovato della tecnologia grazie ad un rivestimento di nano strutture poste nel cuore del vetro stratificato. Azionate attraverso un comando elettrico (come la semplice pressione di un pulsante) permettono di regolare l’intensità della trasmissione luminosa dal 55% fino al 15% e del relativo fattore solare dal 40% fino al 12% garantendo la massima protezione dal sole in relazione all’ambiente ed alla stagione. Riducono le spese di condizionamento, illuminazione e manutenzione generate da sistemi con frangisole o veneziane.

vetri-a-controllo-visivo
newvetratespeciali

DESCRIZIONE

È un vetro float la cui composizione si distingue per il bassissimo contenuto di ossido di ferro che gli conferisce una trasmissione luminosa elevata oltre ad una colorazione inesistente. Il vetro extra-chiaro è incolore ed estremamente trasparente, quindi possiede qualità estetiche e ottiche molto apprezzate.
Il vetro extra chiaro è particolarmente applicato negli allestimenti di musei per la presentazione e la protezione degli oggetti esposti che molte volte viene abbinato al trattamento antiriflesso. Scelto dagli architetti per la sua trasparenza e neutralità, il vetro extra chiaro è ampiamente utilizzato anche nell’industria del mobile.

Il vetro extra chiaro è un prodotto conforme alla norma EN 572-2 e possiede le seguenti proprietà:

  • durezza sclerometria mohs 5-6;

  • resistenza agli acidi classe 1 norma din 12116;

  • resistenza alle classi alcaline classe 1- 2 norma din 52522;

  • resistenza all’ acqua classe idrolitica 3/5 norma din 12111;

APPLICAZIONE

Il vetro extra chiaro è destinato ad applicazioni in cui le qualità estetiche ed ottiche sono particolarmente ricercate.
Arredamento di interni: l’extrachiaro è un supporto eccellente per realizzare un vetro serigrafato di colore bianco o pastello per pareti divisorie, porte, box doccia, vetrate isolanti.
Mobili: il vetro extra chiaro è particolarmente apprezzato per realizzare: piani per tavoli, armadi o banchi di negozi in vetro spesso.
Vetrine e bacheche: il vetro extrachiaro viene utilizzato per realizzare il vetro stratificato, consente di esporre e proteggere gli oggetti non alterandone i colori. Per questo motivo il vetro extrachiaro è generalmente scelto per le bacheche di musei, gallerie d’arte, per le vetrine di negozi, saloni espositivi, centri commerciali;
Il vetro extrachiaro viene anche utilizzato come vetro di base per la costruzione delle vetrate isolanti del residenziale e/o commerciale; viene utilizzato in abbinamento alle proprietà basso emissive e/o selettive per ottenere alle stesse delle elevate caratteristiche di luminosità e consentendogli di fornire un elevato livello di sicurezza utilizzandolo sui prodotti stratificati.
Di seguito si riporta la tabella prestazionale al fine di confrontare le due caratteristiche principali tra vetro float extra chiaro e vetro float chiaro (normale); per entrambi i prodotti se si utilizza il monolitico è necessario prevedere la fase di tempra per rispettare le normative di sicurezza.
Tabella prestazionale per vetro monolitico:

tab-tl-vetromonolitico

Tabella prestazionale per vetro stratificato:

tab-tl-vetrostratificato